NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

AVVENTURE DA FAR WEST

v

QUESTURA DI AREZZO

UFFICIO DI GABINETTO

COMUNICATO STAMPA

                                                                                                                                                          

La Polizia di Stato arresta il rapinatore a mano armata. Aveva colpito due volte nel giro di venti giorni.

La Squadra Mobile ha proceduto ieri sera all’arresto di un cittadino rumeno di 25 anni per due rapine a mano armata: la prima presso la pizzeria d’asporto “Master Pizza” e la seconda presso il supermercato “Penny Market”.

 Stampa  Email

BISOGNA STARE ATTENTI PROPRIO A TUTTO !!

COMANDO PROVINCIALE CARABINIERI DI AREZZO

CONTRATTI LUCE NON RICHIESTI: 65 TRUFFE NEL VALDARNO, I CARABINIERI DENUNCIANO

DUE EX DIPENDENTI DI UN’AGENZIA DI VENDITA

SAN GIOVANNI VALDARNO – Lavoravano per un’agenzia partner di un operatore nel settore della
fornitura di energia elettrica ed erano pagati a percentuale sul numero di contratti stipulati.
Così i due dipendenti, poi allontanati quando il loro stratagemma è stato scoperto, hanno
messo su un piccolo business che consentiva loro, a fine mese, di arrotondare le proprie
entrate: confezionavano falsi contratti all’insaputa di ignari cittadini che si sono visti
recapitare a casa, prima, la comunicazione di interruzione della fornitura da parte del
precedente gestore e poi le nuove bollette, con una nuova dicitura e spesso più care delle
precedenti, relative all’offerta cui avevano, senza mai aver stipulato un contratto, aderito.
Comprensibilmente preoccupati, alcuni cittadini si sono rivolti ai carabinieri della Stazione
di San Giovanni Valdarno che hanno individuato e denunciato i due dipendenti infedeli di
una piccola agenzia del napoletano, completamente estranea all’accaduto, che
effettivamente opera nel settore. I due, un italiano di 41 anni e un 21enne di origini
marocchine, sono stati denunciati per truffa. Fino ad oggi, i carabinieri hanno accertato 65
casi in cui i due hanno stipulato contratti in nome e per conto di ignari cittadini, tutti
residenti nel valdarno. Le indagini proseguono e gli inquirenti non escludono che il
fenomeno possa riguardare una platea ancor più ampia di cittadini, anche in altre aree del
territorio nazionale.

 Stampa  Email

SUBBIANO PISTOLA ALLA POLIZIA MUNICIPALE

SUBBIANO LA PISTOLA IN DOTAZIONE ALLA POLIZIA MUNICIPALE

Il Comune di Subbiano, con specifico atto, ha deciso di dotare di pistola il Sig. Francesco Mirelli della Polizia Municipale comunale. Una BERETTA calibro 9 X 21 Modello P4 Storm , n. 2 caricatori bifilari e 30 proiettili.

 Stampa  Email

I LUPI CI SONO

I LUPI FANNO PAURA

Si favoleggia sulla presenza dei lupi nelle nostre campagne: ebbene, sembra che ci siano veramente e quindi sarà opportuno fornirsi di tutte le cautele riguardo a questo pericolo tutte le volte che andremo nei boschi per qualsiasi motivo.

 Stampa  Email

UNIVERSITA' DELL'ETA' LIBERA, LEZIONE DI V. CASI

 

Come promesso pubblichiamo l'articolo che ci ha trasmesso la Dott.ssa Valentina Casi

I Mezzi della Memoria

(di Valentina Casi - storico)

Lezione all’Università dell’Età Libera della Dott.ssa Valentina Casi
Vicedirettrice del MUMEC Museo dei Mezzi di Comunicazione di Arezzo.

Si è tenuta ieri la lezione di Valentina Casi, Vicedirettrice del MUMEC Museo dei Mezzi di Comunicazione di Arezzo, all’Università dell’Età Libera di Capolona. Tema principe del pomeriggio è stata una grande riflessione su un’importante quanto trascurata tematica: la trasmissione della memoria.
Memoria intesa come ricordi, come storia e come documentazione. Quello che la Dottoressa è andata ad approfondire sono stati i MEZZI tramite cui questa “memoria” ci è stata, e viene ancora oggi, tramandata.
Le tre grandi tematiche trattate hanno spaziato dalla storia della SCRITTURA e del SUONO, distinguibili in certi aspetti tra di loro ma che, a volte, si intersecano e si sovrappongono, comportandosi come argomenti distinti ma affini per la descrizione del percorso che l’uomo ha ideato per trasmettere ai posteri il proprio pensiero e le sue scoperte, o anche come soggetti intercambiabili all'interno di sequenze. Da sempre, infatti, l’uomo ha cercato di lasciare messaggi inconfutabili di alcune sue esperienze sotto forma di messaggi alfabetici, numerici, ma anche immagini di soggetti, oggetti e rappresentazioni sino ad arrivare all'uso di moderni mezzi di registrazione nell'epoca contemporanea. La lezione "I mezzi della Memoria" ha fatto ripercorrere ai presenti le grandi tappe della storia dei manufatti, in gran parte presenti nelle collezioni del Museo dei Mezzi di Comunicazione di Arezzo, ed alcuni portati proprio in Università. Fra questi una pergamena, ancora perfettamente leggibile, del 1350. La domanda posta a fine corso è stata: saremo in grado di far arrivare la memoria dei giorni nostri a 500 / 1000 anni? Ovviamente la risposta giusta potrebbe essere: “ai posteri l’ardua sentenza”.

 Stampa  Email

ATTENZIONE ALLE VENDITE ON LINE E..... ALLE ARMI !!

COMANDO PROVINCIALE CARABINIERI DI AREZZO

CARABINIERI SCOPRONO DUE TRUFFE NEL VALDARNO, DENUNCIATI TRE ITALIANI

SAN GIOVANNI VALDARNO - I Carabinieri della Compagnia di San Giovanni Valdarno,
unitamente ad i colleghi delle stazioni di Castelfranco Piandiscò, hanno deferito in stato di
libertà tre soggetti che si sono resi responsabili di due diverse truffe nel Valdarno.
Nel primo caso, la truffa veniva effettuata tramite artifizi e raggiri con la promessa di fornire
in affitto un immobile previo pagamento di una caparra di trecento euro. Ovviamente i due
truffatori una volta ricevuta la caparra si sono premurati di sparire nel nulla, ma a seguito
della denuncia presentata dal truffato, i militari dell’Arma sono riusciti a rintracciare
prontamente e dunque a denunciare i due soggetti, italiani, maggiorenni, entrambi
pregiudicati. Nel secondo caso invece, il truffatore avrebbe risposto, secondo quanto
ricostruito dai militari, ad annuncio su un famoso sito di compravendita online di beni tra
privati, decidendo di acquistare l’orologio di una ignara vittima tramite un sostanzioso
assegno di più di settantamila euro, rivelatosi essere completamente falso.
La vittima dunque ha subito denunciato l’accaduto ai Carabinieri che hanno provveduto ad
identificare il truffatore, il quale aveva in un primo momento fornito false generalità, e
subito dopo a deferirlo in stato di libertà all’autorità giudiziaria competente.

 

VENDE DRONE ONLINE, MA È SOLO UNA TRUFFA; I CARABINIERI LO DENUNCIANO.

I Carabinieri della Stazione di Cavriglia, a seguito della querela presentata dalla vittima,
hanno denunciato in stato di libertà un truffatore che aveva utilizzato l’ormai celeberrimo
strumento della finta vendita online.
Il truffatore, un disoccupato filippino maggiorenne e incensurato, secondo quanto raccontato
dalla vittima aveva messo in vendita su un famoso sito dedicato alla compravendita di beni
mobili tra privati, un drone ad un prezzo decisamente vantaggioso, rispetto al prezzo medio
di mercato di un oggetto di quel tipo.
Dopo aver ottenuto i trecentocinquanta euro pattuiti l’uomo decideva di sparire nel nulla
facendo perdere le proprie tracce alla vittima, fino a quel momento ignara di tutto.
I militari dell’Arma, tramite le attività di indagine, sono poi riusciti ad identificare il falso
venditore deferendolo in stato di libertà all’autorità giudiziaria competente.
Sono ancora in corso invece le attività di indagine volte all’individuazione del complice del
truffatore, il quale una volta ricevuto il pagamento su una card postepay e lui intestata
avrebbe speso quei soldi per effettuare un acquisto in un negozio.

 

CACCIATORE SBADATO PERDE L’ARMA, I CARABINIERI LO DENUNCIANO

TERRANUOVA BRACCIOLINI - È stato denunciato dai Carabinieri un italiano, pensionato, con
la passione per la caccia in possesso di un’arma regolarmente registrata e detenuta nonché di
un altrettanto regolare porto d’armi che gli consentiva di farne appunto un uso venatorio.
L’anziano, al termine di una battuta di caccia, ha rappresentato ai militari dell’Arma di non
ricordarsi dove avrebbe riposto il fucile e di non riuscire a trovarlo.

Una volta appresi i fatti i Carabinieri della Stazione di Terranuova Bracciolini si sono visti
costretti a denunciare l’anziano cacciatore per l’omessa custodia dell’arma di cui era
legittimamente in possesso.

 Stampa  Email

CALCIO DOMENICA 9.12.2018 SULPIZIA-CAPOLONA 0 -1

CALCIO DOMENICA 09.12.2018

SULPIZIA(PIEVE SANTO STEFANO)-CAPOLONA 0 – 1

Segna Bruni F. del Capolona al 25° del 2° tempo su tiro di rigore; 0 – 1, e sarà il risultato finale. Partita discreta con un campo buono, tempo soleggiato, (ha piovuto dopo la fine della partita). Pubblico in numero discreto, anche da Capolona. Nel gioco ha prevalso il Capolona che già nel primo tempo ha sottoposto il portiere Cavalli del Pieve S. Stefano a una serie di parate. Tiri di Bartolini, Bruni, Fabbriciani, tutti parati da Cavalli. Nel primo tempo forse il Capolona, meritava un 1 a zero a favore. Il secondo tempo trova un Sulpizia particolarmente aggressivo, ma la potente difesa del Capolona blocca ogni iniziativa. Dopo i primi venti minuti il Capolona riprende il sopravvento e si arriva al grave atterramento di Fabbriciani, in area di rigore del Sulpizia ed al conseguente calcio di rigore; trasforma Bruni F. e sarà, come detto, il gol partita. La quale si conclude con alcune discese di Gruda il quale negli ultimissimi minuti stampa un potente tiro sul palo della porta avversaria.

FORMAZIONI

Capolona: Barbagli, Bartolini, Bruni G., Daveri,  Lucherini, Magnani, Mannelli, Scartoni, Bruni F., Santini, Fabbriciani. Allenatore: Giommoni.

Sulpizia: Cavalli, Bottoni, Donnini, Metozzi, Gruda, Piccardi, Vairame, Poggini, Ruggeri, Marzi, Cagnini. Allenatore: Guerra.

 Stampa  Email

SUBBIANO NON C'E' PACE PER SUBBIANO

SUBBIANO NON C’E’ PACE PER SUBBIANO

Siamo quasi tramortiti per quello che sta accadendo a Subbiano, sembra che in questi ultimissimi momenti in cui è ancora in carica questa Amministrazione ( a primavera ci saranno le nuove elezioni) , in Comune si sia istallato un diavoletto che le combina di tutti i colori: al punto che siamo stati tentati di smettere di informare di quello che sta succedendo, smettere di scrivere sul Comune di Subbiano, tanta è l’insofferenza per questo modo di comportarsi, ma poi il buonsenso e l’obbligo che ci siamo assunti di tenere informata la gente, ci hanno fatto riflettere.

Questa volta si tratta di un concorso bandito dal Comune per l’assunzione di un assistente sociale. La cosa venne già discussa in Consiglio Comunale e si convenne che era più conveniente assumere un dipendente con quella qualifica piuttosto che prendere un professionista di volta in volta dall’elenco di quella categoria. Ma anche questa volta sono stati commessi degli errori: il bando non è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e ciò annulla ogni possibilità, inoltre non si capisce entro quando devono essere presentate le domande di partecipazione: nel sito del Comune si trovano due scadenze: 28.11.2018 e 14.12.2018. Non è dato capire quali sia la data valida ! Ricordiamo che alcuni giorni fa il Comune ha annullato un concorso già iniziato; l’annullamento è dovuto al fatto che mancava, ab origine, la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale; niente ! l’errore si è ripetuto ed anche qui sarà necessario ripetere tutta la procedura.

A questo punto domandiamo: ma non c’è nessuno in Comune che segua queste cose ? e il Segretario comunale che fa ?

Inoltre abbiamo sentito una voce, non controllata, che ci comunica che l’attuale cosiddetta maggioranza è in procinto di nominare un nuovo Assessore e sembra, sempre secondo la medesima voce, che a giorni verrà indetto un Consiglio comunale apposito( il 14 prossimo ). Sembra d’essere tornati al marzo-aprile del 1945, quando nonostante i progressi degli alleati nel conquistare l’Italia, ci fu un gruppo di giovani italiani che si recavano al nord. Nessuna speranza, la cosa era finita, ma quelli andavano su. Stessa cosa a Subbiano dove, un gruppo di persone prossime alla naturale decadenza insistono su posizioni insostenibili con iniziative incomprensibili.

Abbiamo denunciato il malessere di quei 56 concorrenti che, con grande entusiasmo e speranza hanno svolto il tema di concorso per un posto di operaio del comune di Subbiano. Partecipiamo al loro disappunto e li abbiamo tutti sul cuore.

Con lo stesso spirito invitiamo i subbianesi a votare con giudizio la prossima primavera: evitate incapaci, non votate per venditori di fumo, cercate persone valide e subbianesi autentici.

 Stampa  Email

SUBBIANO: COMPORTAMENTI DA ULTIMA SPIAGGIA

L’attuale Amministrazione comunale di Subbiano sembra vivere un clima da ultima spiaggia, quando, a guerra ormai di fatto finita, un quantitativo rilevante di persone strettamente coinvolte col regime, si recarono al nord; quel nord disgraziato e nocivo per gli italiani ove s’era istallato il dittatore sfiancato e spompato che aveva illuso gli italiani per vent’anni e che ancora cercava di illudere, appunto, gli illusi.

 Stampa  Email

SUBBIANO IL NUOVO ASSESSORE COMUNALE

 Atto di nomina assessore comunale-Subbiano

 

TENUTO CONTO

 che il Sindaco, nella nomina dei componenti della Giunta, è tenuto al rispetto del principio di pari opportunità;
 che nei comuni con popolazione inferiore a 15.000 abitanti lo statuto può prevedere la nomina ad assessore di cittadini non facenti parte del consiglio ed in possesso dei requisiti di candidabilità, eleggibilità e compatibilità alla carica di consigliere;
 che tale possibilità è contemplata all’art.26, comma 2 dello Statuto Comunale;

NOMINA

la Sig.ra Rossi Valeria, nata il 04 marzo 1976 ad Arezzo, C.F. RSSVLR76C44A390I, residente in Subbiano, Via Cini 68/G, assessore della Giunta Comunale, con delega delle seguenti funzioni:- rapporti con le associazioni - promozione e progettazione turistica - cultura; di dare atto che è stata acquisita dichiarazione di insussistenza di cause ostative alla nomina, ex art.47 comma del D.Lgs.n.267/2000 e ss., di dare atto che il decreto n. 22 del 18/11/2016 è da intendersi conseguentemente e coerentemente modificato in tema di attribuzione di deleghe; di dare atto, altresì che il presente decreto - come richiesto dall’art. 46, 2°comma del D.lgs. n. 267/2000 sarà comunicato al Consiglio Comunale nella prossima seduta - sarà pubblicato, oltre che all’Albo Pretorio online del Comune, nell’appositasezione dell’Amministrazione trasparente ai sensi del D.Lgsn.33/2013"

 Stampa  Email

SUBBIANO SABATO 15.12.2018 ORE 11,00 CONSIGLIO COMUNALE

SUBBIANO SABATO 15 DICEMBRE ALLE ORE 11,00 CONSIGLIO COMUNALE

Una delle ultime riunioni del Consiglio comunale per questa legislatura ormai al termine. I punti in discussione sono argomenti di natura finanziaria e di revisione della partecipazione del Comune in Società partecipate, nonché esame del realizzato relativamente al piano triennale delle opere pubbliche. Ci sarà anche la discussione sull’adozione di un piano particolareggiato in Via vecchia Aretina, nonché, al primo punto questa volta, comunicazioni, interrogazioni, interpellanze, raccomandazioni. La popolazione è vivamente invitata ad intervenire specie in questo momento in cui si tratta di vedere cosa è stato fatto in questi ultimi 5 anni e regolarsi per il prossimo rinnovo amministrativo del Comune.

 

 Stampa  Email

UN NUOVO ASSESSORE IN COMUNE A SUBBIANO

 

SUBBIANO INCOMPRENSIBILI DECISIONI DI FINE MANDATO IN COMUNE

La Giunta comunale di Subbiano si è arricchita di un nuovo Assessore, non sappiamo chi sia, ma abbiamo il sospetto che si tratti di una iniziativa elettorale di questi Signori che attualmente governano il Comune di Subbiano. Questo significa che non conoscono i subbianesi e che non hanno capito nulla: se ancora s’illudono di essere rieletti dopo tutte le omissioni politico-amministrative che hanno creato. Si sbagliamo e crediamo di essere facili profeti se prevediamo che gli elettori non prenderanno neanche in considerazione la possibilità che essi vengano rieletti.

Grida vendetta la demolizione della casa di Pilli, la distruzione del tetto della Proloco, la chiusura della piscina e delle scuole elementari e le mille omissioni che hanno contraddistinto la loro permanenza in Comune. Oggi veniamo a conoscere che hanno nominato un nuovo Assessore e che hanno privato l’Assessore Nicoletta Bruno delle deleghe a Scuola e Cultura, conservandole una assolutamente inutile delega al Sociale; assolutamente inutile perché Subbiano ha un accordo di rappresentanza relativo al settore SOCIALE con il Comune di Arezzo. Quindi si spendono 800 euro al mese per ricompensare un Assessore che non ha assolutamente niente da fare. Sono operazioni incomprensibili, come incomprensibile è tutta questa segretezza sul nome del nuovo Assessore. Appena lo conosceremo lo pubblicheremo.

 Stampa  Email

ATTENZIONE QUANDO SI AFFITTA QUALCOSA !!

QUESTURA di AREZZO

Ufficio di Gabinetto

 

COMUNICATO STAMPA

 

 

Abitazione locata a cittadino cinese: i poliziotti di quartiere sanzionano affittuario per la mancata dichiarazione di ospitalità.

Nel corso dei controlli del territorio cittadino, la pattuglia del Poliziotto di Quartiere ha sanzionato un cittadino cinese per omessa dichiarazione di ospitalità.

Il cittadino cinese, D.X., 23.10.87, titolare di un sushi bar sito nel centro storico, aveva preso in locazione personalmente una abitazione nel centro storico.

L’unità abitativa in questione, tuttavia, era stata adibita a foresteria per il personale della attività di ristorazione, con sostanziale sublocazione a favore dei nove dipendenti del sushi bar.

In tal modo, il cittadino cinese ha posto in essere una duplice violazione, ovvero sia le disposizioni contrattuali che espressamente gli vietavano la sublocazione, ma anche la normativa in materia di stranieri.

L’art. 7 del testo unico immigrazione, infatti, dispone che chiunque presti ospitalità a cittadini extracomunitari deve darne comunicazione entro 48 ore all’autorità di pubblica sicurezza.

Pertanto, la pattuglia del poliziotto di quartiere, accertate le violazioni in questione, ha provveduto a sanzionare il cittadino cinese, applicando la sanzione pecuniaria di euro 2.660.

 Stampa  Email

VALENTINA CASI ALL'UNIVERSITA' DELLA TERZA ETA'

VALENTINA CASI ALL’UNIVERSITA’ DELL’ETA’ LIBERA. UNA BELLA RAGAZZA, MA ANCHE INTELLIGENTE

Un’esperienza unica e gradita quella che hanno fatto i partecipanti alle lezioni dell’Università dell’età libera di Capolona e Subbiano lunedì 10 dicembre u. s.

Valentina Casi è una giovane insegnante della Scuola che, come professione, è vicedirettore del Museo dei mezzi di Comunicazione esistente presso il Palazzo Comunale di Arezzo. Un Museo molto interessante il cui accesso è da via Ricasoli vicino all’attuale BAR del Comune. Interessante il museo e la Dott.ssa Casi la quale ha magistralmente illustrato il percorso storico nei secoli di: scrittura, suono, fotografia. Dal dagherrotipo al registratore Geloso, dalla scrittura degli amanuensi alla macchina da scrivere, dalla scatola magica al cinematografo, la docente ha passato in rassegna questi tipi di espressione e tutti i tipi di espressione utilizzati dall’uomo fino dai ritrovamenti protostorici di Altamura ( 14.000 anni fa).

Un dialogo, più che una lezione che però ha mostrato la grandissima preparazione e la capacità assoluta di interessare un pubblico vario. Una materia di per sé arida, ma che in mano alla giovane docente, è risultato uno degli argomenti trattati più interessante per gli ascoltatori. La Dott.ssa Casi ci ha promesso che invierà un suo breve articolo e, appena ci perverrà, provvederemo a pubblicarlo. Per ora segnaliamo che abbiamo trovato sue notizie battendo sul computer “valentina casi arezzo”.

 

 

 Stampa  Email

CALCIO DOMENICA 9.12.2018 SUBBIANO-BIBBIENA 0 - 0

 

DOMENICA 09.12.2018 SUBBIANO – BIBBIENA 0 – 0

Una gara in cui il Subbiano era partito con l’intenzione di conseguire l’intera posta data la drammatica situazione di classifica del Bibbiena (ultimi con 5 punti). Ma abbiano assistito ad una partita dominata dalla rabbia dei numerosi spettatori locali e dei giocatori a causa delle condizioni penose del campo. Un campo ai limiti della praticabilità: bagnato e senza drenaggio, il pallone non rimbalzava e nel centro non scorreva neanche data l’ “acquosità” del fondo. Erano molti i subbianesi e anche da Bibbiena erano venuti in un gruppo piuttosto ampio. Una delusione. Non s’è visto un bel gioco: solo qualche slancio, come ad esempio quando al 25°del 2° tempo un bel tiro di Degl’Innocenti, di testa, su rimessa da calcio d’angolo: il pallone va fuori di poco sopra la traversa; oppure un tiro fortissimo di Falsini (n. 10 del Subbiano) miracolosamente parato dal portiere del Bibbiena Santicioli, o ancora un bel tiro di Pallanti (entrato a metà del 2° tempo in sostituzione di Detti), finito sulla traversa.

Insomma ha prevalso l’incuria della pubblica Amministrazione: il Comune di Subbiano che pur riscuote un canone dal Subbiano Calcio e non spende un centesimo da anni sul campo sportivo. L’augurio è che i subbianesi cambino questi incapaci ed eleggano subbianesi capaci ed affezionati.

FORMAZIONI

Subbiano: Lancini, De Paola, Degl’Innocenti, Corti, Giustini, Mannelli, Marraghini T., Cini, Donati, Falsini, Detti (Pallanti). Allenatore: Laurenzi.

 Stampa  Email

UN CASO DI VIOLENZA SULLE DONNE E I BAMBINI

COMUNICATO STAMPA DI CARABINIERI

 

I Carabinieri del Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Arezzo hanno arrestato un pregiudicato tunisino per atti persecutori nei confronti dell’ex convivente, costretta a subire per anni sopraffazioni, violenze, minacce ed umiliazioni, spesso alla presenza dei figli.

Nella serata di ieri, in questo centro città, una donna di origini tunisine ha richiesto l’intervento dei militari della Compagnia Carabinieri di Arezzo poiché l’ex-convivente, un pregiudicato tunisino, padre di due figli minori della donna, stava tentando di sfondare il portone d’ingresso a calci e pugni indirizzando minacce di morte nei confronti sia della donna che dei figli che, terrorizzati e in lacrime, si erano barricati in una stanza dell’appartamento.

Immediatamente giunti sul posto, i Carabinieri hanno sorpreso l’uomo mentre stava tempestando di colpi la porta gridando frasi sconnesse e minacciose sia in italiano che in arabo all’indirizzo degli occupanti della casa.

I militari lo hanno immediatamente bloccato.

Gli accertamenti successivi hanno consentito di ricostruire la terribile storia della donna fatta di sopraffazioni, violenze, minacce ed umiliazioni, subite spesso alla presenza dei figli.

La donna non denunciava per timore che l’arrestato potesse riversare la sua violenza nei confronti dei bambini.

L’uomo era arrivato a mortificare la donna di fronte ai figli mostrando l’attuale convivente ed esaltandola rispetto alla madre dei bambini.

Nell’ultimo periodo, era diventato ancor più pericoloso. Aveva minacciato l’ex convivente e i figli di morte; l’aveva picchiata, tanto che lei era stata soccorsa da personale del Pronto Soccorso dell’Ospedale San Donato. Stanotte, l’incubo della donna e dei suoi bambi è terminato con l’arresto del tunisino per il reato di “atti persecutori” (cd. stalking).

Il sostituto Procuratore della Repubblica, dott. Claudiani, informato della vicenda disponeva che il tunisino di 38 anni, fosse ristretto nel carcere di Arezzo in attesa della convalida dell’arresto.

 Stampa  Email

scnotizielogo300

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

  SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

 

 

scnotizielogo300

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

Autorizzazione del tribunale di Arezzo n. 5 rilasciata in data 25 settembre 2014

Direttore responsabile e proprietario del sito web: Francesco Martini ordine nazionale giornalisti n. 153301

 

 

United Kingdom Bookmaker CBETTING claim Coral Bonus from link.