NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

RACCONTI ANTICHI IN VERNACOLO

Quel'anno la stagione unn'éra vita tanto béne, o perlomeno unn'era vita come m'aspettèvo io. A settembre un piovve mèi, a ottobre piovve un giorno quande se cugliva l'uvva e ruppe tutto l'incantesimo perché toccò finire el giorno doppo e ce se immotarò tutti. Sperèvo che piovesse un poco, prima de cumincère a coltrère, cusì la terra era più solla e 'nvece gnente, per dispetto dovetti anche tribolère per coltrère. Verso la metà de novembre comunque se finì l'istesso de sementère co la tramontèna nel groppone. Doppo metà novembre se cuminciò a cogliere l'ulive col vento che mozzèva l'urecchie. A me non me caddono perché le tenivono atacche co la berretta de lèna fatta ai ferri da la mi nonna. Pussibele che 'l tempo me vuliva fère i dispetti? 'L grèno aiva bisogno d'acqua, aiva fatto qualche ributtino qua e là come i cacchioni d'un piccione. La tramontèna se fermò, girò 'l vento e bufò, qualcuno m'aiva sintito. Bufò parecchio, 'n tempo per Natèle, stavolta c'aiva preso. “Sotto la neve pène" se dice. Nel mentre cresce el grèno che se pol fère? Se pole stère zitti a sintire l'erba che cresce, se pole stère 'n chèsa a quistionere co la moglie, se potrebbe … me cadde l'occhio su la capanna, c'era un ciarpame tale che la cosa più svelta per mettere apposto era dagni fòco. Quele sciatte de le galine, c'erono vite a polèo. Che nervoso ! Cachèvon dapertutto. Merde sul carro, sulle stanghe, sulla bura, sul giogo. Maledette! Ce n'era dua proprio li, me guardevono e cachèvono sul mi giogo. Con quela neve, bella, immacolèta non putivo quistionère co le galine, ci vuliva una facenda ganza. Svinère! Quella era la facenda adatta. In cantina se stà béne. Mentre ero li che trombavo el vino, ecchete Mario. Comparì su l'uscio de la cantina come fa el gatto quande scappa da la gattaiola: Prima fece vedere el chèpo eppù comparì tutto. S'è come i mucini, gli dissi, è sintito l'udore del vino! So stèto a tendere una decina de lastre, rispose, vò mangère un'arostino d'ucelli, per queste feste. Ucillini! Chiappa una lèpre che qualcosa mangi! Senti com'è el mi vino novo. L'è fatta colazione! E' sete! Tò arbevi. Io, du ova al tegamino e te? Io un orcello de pène con du acciughe. M'ha misso sete. Bei, non te riguardère. Non ho ditto gnente a la mi donna, bisogna che vèda a chèsa sinnò stà 'n pensiéro. Aspetta! T'accompagno, non vedi come bufa, el vento te fa barcollère. L'eria fina e 'l gasse 'n corpo con poco ce fenno arivère a chèsa de Mario. La su moglie ebbe qualcosa da dire ma ce s'enfilò 'n cantina e anche quella bufera passò. Senti el mi vino novo! Sarà la neve o l'udore del Natèle che ce fa sintire cusì allegri? Ma! Damme l'ultimo goccio che devo tornère in là. Se la mi moglie me cerca … Senti, me disse Mario, visto che s'è stèto un galant'omo ad accompagnamme, ora t'accompagno io. Se prese el viottolo e via. Bufèva a vento e s'era tutti molli. Presi una fascina e lo portè 'n chèsa. Davanti al foco i panni fumèvono. Bevi un goccio de vino che te tira su. Quando se fù asciughèto vuliva andère a chèsa ma barcollèva. Lo vidde anche la mi moglie che unne stèva ritto e disse: fa el galantomo. Accompagnalo, lo vedi che unnestà ritto. Mentre m'armittivo la giubba, chissà perché, me venne 'n mente le du galine sopra el giogo. Fori da l'uscio dissi: Vieni Mario, gira de dietro sinnò ce vedono. Ah! Disse, senza fère domande.

di Giancarlo Mazzi

 Stampa  Email

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

scnotizielogo300

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

  SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

 

 

scnotizielogo300

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

Autorizzazione del tribunale di Arezzo n. 5 rilasciata in data 25 settembre 2014

Direttore responsabile e proprietario del sito web: Francesco Martini ordine nazionale giornalisti n. 153301

 

 

United Kingdom Bookmaker CBETTING claim Coral Bonus from link.