NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
  • Home
  • Prima Pagina
  • DOPO 38 FURTI DORME IN NEGOZIO, ARRIVANO I LADRI, SPARA E ELIMINA UN MOLDAVO

DOPO 38 FURTI DORME IN NEGOZIO, ARRIVANO I LADRI, SPARA E ELIMINA UN MOLDAVO

GOMMISTA PACINI DI MONTE S. SAVINO SPARA ED UCCIDE UN LADRO

Dormiva in officina perché aveva avuto 38 furti in poco tempo. Aveva deciso di sostare anche di notte in officina per difendere i propri interessi sempre osservato dai ladri. Sono arrivati verso le tre di notte e questo gommista, Pacini, ha tirato fuori la pistola ed ha sparato, non per uccidere, tirava alle gambe, ma si sa, con la pistola basta un minimo di imprecisione ed è possibile che il colpo diventi mortale.

Nel nostro caso, la sorte ha voluto che il colpo raggiungesse la gamba, ma l’unica parte veramente delicata dell’organo: il proiettile si è conficcato nella femorale, una grossa arteria che proviene direttamente dall’aorta discendente e la cui lesione conduce alla morte a causa della rapidità del dissanguamento. Un esito sicuramente involontario, cioè non voluto dal Pacini, un uomo mite e tranquillo a cui interessava più impaurire i ladri che ucciderne uno. Il deceduto è un giovane moldavo, pregiudicato e ladro professionale, del 1989 sicuramente sano e robusto che avrebbe potuto dedicarsi a meno rischiose attività lavorative.

Diciamo subito, a scanso di equivoci, che noi siamo vicini e d’accordo con lo sfortunato gommista, come principio disapproviamo l’omicidio, ma concordiamo sul fatto che ognuno ha diritto di difendere i propri beni come può. Comprendiamo anche il Dott. Rossi, Procuratore della Repubblica di Arezzo che ha aperto un fascicolo a carico del Pacini per omicidio colposo: la legge obbliga il Magistrato a compiere indagini su come si sono svolti i fatti, la legittimità della detenzione della pistola, ecc.. ecc… ecc…, indagini che senza l'apertura del fascicolo non potrebbe effettuare. Però non possiamo accettare che esistano delle leggi che perseguitano chi si difende. Perchè, anche se la cosa si risolvesse in nulla, intanto il Pacini dovrà trovare un Avvocato, pagarlo e sostenere l’accusa. Bene fa, dunque, il ministro Salvini, dal quale ci divide un abisso politico, a difendere il Pacini con dichiarazioni a sostegno del suo operato.

 Stampa  Email

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

scnotizielogo300

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

  SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

 

 

scnotizielogo300

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

Autorizzazione del tribunale di Arezzo n. 5 rilasciata in data 25 settembre 2014

Direttore responsabile e proprietario del sito web: Francesco Martini ordine nazionale giornalisti n. 153301

 

 

United Kingdom Bookmaker CBETTING claim Coral Bonus from link.