NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

SUBBIANO CONSUETA ATTIVITA' DEI CARABINIERI

COMANDO PROVINCIALE CARABINIERI DI AREZZO

I GENITORI CHIAMANO AIUTO PER IL FIGLIO VIOLENTO. I CARABINIERI GLI
TROVANO MARIJUANA PRONTA PER LO SPACCIO. ARRESTATO.

CAPOLONA – Nello scorso fine settimana i Carabinieri della Stazione di Subbiano
hanno proceduto all’arresto di un ragazzo italiano per detenzione ai fini di spaccio di
sostanze stupefacenti.
I militari si sono portati presso l’abitazione di una famiglia di Capolona a seguito di
una richiesta di aiuto da parte dei genitori che avevano segnalato che il proprio figlio
era particolarmente violento, in quanto aveva fumato cannabis nella propria camera e
stava danneggiando i vetri dell’abitazione ed altri oggetti ivi presenti.
Una volta all’interno della casa, bloccato il soggetto, i Carabinieri hanno effettuato
una perquisizione domiciliare a seguito della quale è stato rinvenuto nella
disponibilità dello stesso il complessivo di circa 150 grammi di marijuana suddivisa
in dosi, il materiale per il taglio, il peso ed il confezionamento, oltre ad alcune
centinaia di euro ritenuti provento dell’attività di spaccio.
L’uomo è stato così arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti
e, su disposizione dell’A.G., condotto presso le camere di sicurezza del Comando
Provinciale dei Carabinieri di Arezzo in attesa di rito direttissimo.

 

 

 Stampa  Email

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

scnotizielogo300

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

  SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

 

 

scnotizielogo300

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

Autorizzazione del tribunale di Arezzo n. 5 rilasciata in data 25 settembre 2014

Direttore responsabile e proprietario del sito web: Francesco Martini ordine nazionale giornalisti n. 153301

 

 

United Kingdom Bookmaker CBETTING claim Coral Bonus from link.