"mi sono perso" ed avvisa i Carabinieri

COMANDO PROVINCIALE CARABINIERI DI AREZZO

SI PERDE E VA IN CASERMA A CHIEDERE AIUTO
ANZIANO RICONSEGNATO AI FAMILIARI

MONTEVARCHI  “Mi sono perso”, ha confessato al militare di servizio alla caserma di
Montevarchi, dopo aver suonato al campanello della Stazione dei Carabinieri. Il
Comandante di Stazione e gli altri militari, dopo aver rassicurato l’uomo, che è stato fatto
accomodare in caserma, hanno chiesto cosa fosse successo, cercando di approfondire la
vicenda. L’anziano, nato nel 1938 e residente in un paese limitrofo, è apparso mentalmente
confuso, però ha richiesto ai militari di essere aiutato nel ritrovare la strada di casa: ha
pertanto raccontato di essere giunto nella mattinata in Montevarchi per delle commissioni e
di aver parcheggiato il proprio veicolo ma, ad un centro punto, evidentemente con qualche
piccola defaillance spazio-temporale, non ha saputo più ritrovare il proprio veicolo e non
ricordava bene come contattare i propri familiari: ha però trovato l’iniziativa di chiedere
dove fossero i Carabinieri, per domandare aiuto. Ai militari non è riuscito nemmeno a
fornire indicazioni utili per il rintraccio dei familiari ma, in base alla patente dell’uomo, i
Carabinieri sono riusciti, dopo aver consultato approfonditamente le banche dati, a
rintracciare il nominativo del figlio ed a reperirne l’utenza telefonica. Il familiare,
prontamente avvisato, si è recato presso il Comando Stazione dove ha recuperato l’anziano
padre, che non soffre di particolari patologie e che per la prima volta si è trovato in questa
situazione: con il genitore ha poi ricercato il veicolo, regolarmente parcheggiato in
Montevarchi, non senza aver prima ringraziato i militari.

 

 Stampa