L'ISTITUTO "PALAZZESCHI" E LA REGOLA ANTISISMICA

L’ISTITUTO “PALAZZESCHI “ E LA REGOLA SISMICA

In tutta Italia oggi si parla molto di sismica. E’una materia molto dibattuta e pericolosa: si tratta dei terremoti e delle conseguenze di essi. Un movimento tellurico non guarda in faccia nessuno e i morti del terremoto del centro Italia sono a lì a testimoniarci la gravità della cosa. In tal senso, a suo tempo accogliemmo con soddisfazione l‘iniziativa del Comune di Capolona di farsi promotore di un progetto in base al quale sarebbe stata ricostruita una Scuola Media nello stesso posto dove sta ora, ma con regole strettamente antisismiche. Bugiardi a Capolona: della nuova Scuola non si vede neanche l’ombra: si preferisce tenere i ragazzi, i nostri figli, su un fabbricato vecchio, che l’Amministrazione ha preso in affitto e che tutti i mesi costa ai due Comuni. Ma , se nel caso della Scuola Media si può sperare in una risposta e fuga rapida dei ragazzi, non altrettanto si può dire dei bambini della Suola Materna del Palazzeschi. I giovani della Scuola Media possono scappare, ma i bambini al disotto dei sei anni si ritrovano in mezzo alla distruzione prima di rendersi conto di quello che sta succedendo. Denunciamo questo stato di cose e non vogliamo che né i giovani della Scuola Media, né i bambini della Materna abbiano a conoscere esperienze quali quelle prospettate: vogliamo scuole sicure, in regola con le norme antisismiche i subbianesi ed i capolonesi vogliono dormire sonni tranquilli e perciò vogliono scuole perfettamente si cure e funzionanti in ogni settore. Ma soprattutto vogliono che queste due Amministrazioni si pronuncino in merito ai problemi e non continuino un assoluto silenzio sull’argomento.  Ricordiamo agli attuali Amminitratori he già alcxuuni anni fa l'Ingegnere F. Bacciarelli ebbe a presentare una perizia in cui si denunvciavano alcuneprecarietà relative al manufatto detto Asilo e  alla Scuola Elementare. questa ultima venne spostata, per il "Palazzeschi" niente. Vorremmo oggi un atto conseguente da parte di questo Sindaco e questa Giunta. 

 

 

 

 

 

 

 Stampa