NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

SUBBIANO LA PROLOCO E LA FESTA DEL VINO DEL 25 LUGLIO

SUBBIANO SONORO FLOP ALLA FESTA DI…. VINO

177 biglietti staccati al banchino del cinghiale. Sembrano molti e, data la miseria degli altri banchini , sono molti, ma ciò è dovuto alla grande passione e attività dei cacciatori, i quali si sono ritrovati in massa a Subbiano.

 Stampa  Email

SUBBIANO RITROVATO UN ACCESSORIO DI UN SOLDATO INGLESE

SUBBIANO RITROVATO UN SOLDATO DELL’ESERCITO INGLESE

Ritrovato nel senso di scoperto, vivente un soldato canadese dell'esercito inglese che durante la guerra mondiale passò da Subbiano.

 Stampa  Email

QUATTRO GRANDI MORTI

MUORE UN’EPOCA CAMILLERI, DE CRESCENZO, BORRELLI,OCCHINI

Una settimana veramente disgraziata: sono morte quattro persone che rappresentavano delle celebrità in campo nazionale.

 Stampa  Email

LA CAUSA TRA COMUNE E BOBINI PER PILLI

BOBINI HA PERSO LA CAUSA DEI PODERI EX BOSCHI

La lunga causa di opposizione allo sfratto esistente tra il Comune di Subbiano e gli eredi Bobini avente per oggetto il podere ex Opera Pia Boschi un tempo condotto dal padre degli attuali Bobini, quella causa, dunque, sembra conclusa.

 Stampa  Email

ATTENZIONE A DOVE SI APPOGGIA LA BORSA

COMUNICATO STAMPA DELLA QUESTURA DI AREZZO

Nel primo pomeriggio di ieri, a seguito di segnalazione giunta al 113, personale della Squadra Volanti interveniva presso un bar del centro storico a seguito della consumazione del furto di una borsa in danno dell’Aretina A.C., avventrice abituale dell’esercizio commerciale, che le era stata sottratta dal bracciolo di una sedia mentre era seduta al tavolino esterno. L’autore del furto era stato vanamente inseguito a piedi dal titolare del bar che, successivamente, aveva richiesto l’intervento delle Forze di polizia.

L’attività investigativa svolta dagli operanti ha consentito di rilevare le immagini registrate da due telecamere presenti nei pressi del bar in questione e, dall’esame di tali immagini, di riconoscere l’autore del furto, già noto per precedenti specifici.

L’autore del furto, V.G.S., Rumeno di anni 31, veniva dopo poco rintracciato presso la locale stazione ferroviaria da personale Polfer e, sottoposto a perquisizione, veniva trovato in possesso del borsellino della donna mentre la borsa, con la restante refurtiva, veniva rinvenuta in un cestino all’interno delle stazione e restituita all’avente diritto.

Stante la trascorsa flagranza il responsabile del reato veniva deferito all’A.G. in stato di libertà

 Stampa  Email

PRESO DI MIRA IL MUSEO DEL COMM. BRUSCHI

 

COMPAGNIA CARABINIERI DI AREZZO

ARRESTATO IL LADRO SERIALE DEI FURTI ALL’INTERNO
DEL MUSEO IVAN BRUSCHI.
Nella giornata dell’11 luglio u.s. i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile
della Compagnia di Arezzo hanno eseguito una misura cautelare emessa dal G.I.P del
Tribunale di Arezzo traendo in arresto un 64enne italiano, residente a Roma, a
carico del quale i militari hanno raccolto gravi indizi di colpevolezza per aver
commesso tre furti all’interno del museo Ivan Bruschi di questo centro.
Gli episodi riguardano tre furti perpetrati negli ultimi tre anni, quando l’uomo, in
occasione dei giorni in cui si svolgeva la fiera antiquaria, si introduceva all’interno
del museo durante l’orario di apertura come se fosse un normale visitatore e, una
volta verificato che nessuno lo osservava, forzava le teche di esposizione e sottraeva
piccoli manufatti di antiquariato come portareliquie, rosari, pendenti e piccoli
crocifissi in argento. Solamente dopo qualche ora i dipendenti del museo si
accorgevano del furto subito, allertando le forze di polizia.
Le indagini sono partite osservando le immagini di videosorveglianza interne del
museo, che, unitamente alle testimonianze di alcune persone, tra cui i dipendenti
dello stesso, hanno consentito di ricostruire il modus operandi e di identificare
l’autore dei furti.
L’uomo, su disposizione dell’A.G., è stato così sottoposto agli arresti domiciliari in
Roma, luogo dove vive, e dovrà ora rispondere dei reati di furto aggravato.

 Stampa  Email

A SUBBIANO, IN COMUNE, C'E' QUALCOSA CHE NON VA

A SUBBIANO C'E' QUALCOSA CHE NON VA

Forse più che qualcosa: un sindaco contestato che si rifugia nell'antico Ufficio Anagrafe e lascia amministrare i due democristiani Marcello Ralli ed il padre Giovanni Mattesini, un atto di ristrutturazione del campo da tennis già perferzionato che viene annullato all'ultimo istante  con procedura assolutamente illegittima, una illegittimità evidente se a causa di ciò il Dott.Cariddi si è ritirato da Segretario comunle, anche in seguito alla imposizione che sull'atto voleva dare il Ralli medesimo.

 Stampa  Email

ANCHE NELLA CIVILISSIMA TOSCANA ESISTONO MAESTRE VIOLENTE

 Indagini dei
Carabinieri per violenza in asilo
nido.

Sospesa una maestra.
I Carabinieri della Compagnia di San Giovanni
Valdarno hanno concluso una indagine riservata su un
asilo nido situato nel Valdarno.
Al termine degli accertamenti, è scattata l’interdizione dall’esercizio della
professione per dodici mesi, in attesa del
dibattimento, nei confronti di un’educatrice e titolare di
un asilo che si era resa responsabile di più episodi
violenti nei confronti dei bambini che le avevano
affidato i genitori.
Dopo la segnalazione di alcune mamme, preoccupate
per i comportamenti strani assunti dai figli ed il

racconto di schiaffi e pizzicotti da parte di una
maestra, in conseguenza delle indagini condotte dai
Carabinieri del Nucleo Operativo, durante tre mesi di
monitoraggio, sono stati documentati numerosi
episodi durante i quali la maestra picchiava e
minacciava i bambini.
Le violenze avvenivano sempre quando la maestra si
trovava da sola mentre le sue collaboratrici erano in
pausa o impegnate in altre stanze: in quelle occasioni,
la donna, ad ogni minimo atto di disobbedienza
mostrato dai bambini, li percuoteva con schiaffi sulla
testa o sul corpo, pizzicotti o frasi minacciose circa
l’arrivo “del dottore”.
Il più delle volte gli episodi si verificavano dopo
pranzo, quando l’educatrice, rimasta sola con i
bambini si occupava di cambiare loro i pannolini o
vigilare affinché tutti facessero un riposino
pomeridiano, ed era proprio in questi momenti che, in
alcune circostanze, si sono manifestati gli atti violenti
ed i bambini venivano, in alcuni casi, schiaffeggiati e
minacciati; la donna alzava la voce e noncurante dei
pianti e delle urla dei bambini, li schiaffeggiava e li
colpiva sul corpo e anche alla testa per obbligarli a
dormire, a star fermi mentre cambiava loro il
pannolino oppure a restare seduti in maniera
appropriata sulle sedie dell’asilo. Le altre insegnanti,

totalmente ignare ed all’oscuro di quanto accadesse
in loro assenza, rientrando dalla pausa non riuscivano
mai ad accorgersi di nulla poiché la titolare dell’asilo
ogni volta che si trovava in loro presenza mostrava un
comportamento adeguato al proprio ruolo facendo
come se nulla fosse mai accaduto.

Oltre alle violenze fisiche però, come detto si passava
anche alle minacce nei confronti dei bambini che
terrorizzati dalla prospettiva di subire nuovamente
schiaffi e botte in testa restavano quasi pietrificati
smettendo nella maggior parte dei casi in maniera
istantanea di piangere e lamentarsi.
Le indagini, coordinate dalla Procura della
Repubblica di Arezzo, nella persona del Procuratore
Capo Dottor Roberto Rossi e del Sostituto
Procuratore Elisabetta Iannelli, e portate avanti dai
Carabinieri del Nucleo Operativo di San Giovanni
Valdarno, hanno portato all’emissione ed alla notifica
del provvedimento interdittivo all’interessata, la quale
non potrà esercitare per un anno intero, alcun tipo di
professione che abbia ad oggetto la cura, l’istruzione
o l’affidamento per motivi di studio, sanitari o di cure di
qualunque persona; il tutto chiaramente in attesa del
dibattimento.

Sono in corso, inoltre, accertamenti correlati
all'effettivo possesso dei titoli di studio ed abilitativi
della professione, poiché vi è il sospetto che non vi
siano le condizioni di legge per l'esercizio dell’attività
di maestra da parte dell'interessata.

 Stampa  Email

SUBBIANO 23.07.2019 CONSIGLIO COMUNALE

SUBBIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 23.07.2019

La solita musica anche se i suonatori sono cambiati. Un Consiglio comunale all'insegna del silenzio, della riservatezza, del segreto; perfino nella convocazione: nel sito "Comune di Subbiano" non c'è cenno al detto Consiglio Comunale e dobbiamo fare una cronaca "de relato" per non aver saputo in tempo della riunione.

 Stampa  Email

DOMENICA 21 GRANDE FESTA A SANTA MAMA

DOMENICA 21 GRANDE FESTA A SANTA MAMA

Commovente la dedizione di tutti, dicesi tutti, gli abitanti della piccola frazione subbianese nell'organizzare la festa ed assistere i partecipanti: una quantità di banchini di vendita in cui a tutti veniva offerto un pezzetto di pane condito con l'ottimo olio locale e tartufo grattugiato.

 Stampa  Email

SUBBIANO ILARIA MATTESINI SINDACO-UFFICIALE D'ANAGRAFE

 

SUBBIANO ILARIA MATTESINI SINDACO-UFFICIALE D’ANAGRAFE

 

L'abbiamo detto e scritto pià volte, perfino al Prefetto, nonostante il padre, il potentissimo Giovanni, e nonostante una discutibile elezione, l'aspirazione, il desiderio supremo della Signora Ilaria Mattesini è fare l'Ufficiale d'anagrafe

 Stampa  Email

QUESTI STRANIERI "REGOLARI"

Arrestato dalla Polizia di stato commerciante ambulante

Lavorava come commerciante ambulante, ma la sua principale e più redditizia attività consisteva nello spaccio di stupefacenti.

Ieri sera gli operatori della Squadra Mobile della Questura di Arezzo, che da giorni seguivano i suoi movimenti, hanno posto termine all’illecita attività arrestandolo.

E’ così finito in manette F.I., ventiduenne, pregiudicato di origine marocchina, in regola   con le norme sul soggiorno, ormai da vari anni residente nel comune di Monte San Savino.

Il giovane straniero aveva creato un piccolo deposito di droga in mezzo alla campagna ove, occultato fra la vegetazione, deteneva lo stupefacente.

Gli operatori della Sezione Antidroga, dopo continui appostamenti, sono riusciti ad individuare “l’imbosco” sequestrando 60 ovuli contenenti, ciascuno, 10,82 grammi di hashish per un peso totale di circa 650 grammi.

Lo stupefacente sequestrato era stato confezionato in ovuli, ognuno recante la lettera “H” (hashish) proprio per rendere più agevole il trasporto da parte del corriere.

 

 Stampa  Email

SUBBIANO UN'ALTRA "PADELLA" DELL'AMMINISTRAZIONE:13 LUGLIO, FESTA REPUBBLICANA

 

SUBBIANO IL PROLUNGAMENTO DEL 25 APRILE

 

Lunedì 13 luglio a Subbiano si è tenuta una rievocazione della Liberazione di Subbiano dalle forze nazifasciste.

 Stampa  Email

SUBBIANO STRANI INCONTRI PER STRADA

SUBBIANO STRANI INCONTRI PER STRADA

Un caso fortuito, un evento quasi trascurabile, ma sintomatico di un clima di sospetto che circonda tutto il comune di Subbiano. E' bastato un incontro fortuito fuori del Comune in cui si sono, sembra casualmente, incontrati l'Architetto Mauro Baldo, studioso del P-R.G. di Subbiano,  Il Sig. Giovanni Mattesini, padre del Sindaco Ilaria Mattesini, il sig. Vasco Bobini, noto interessato all'amministrazione del Comune e il Dott. Dario Orlandi, consigliere comunale con delega allo Sport, è bastata appunto questa situazione perchè cittadini allarmati ci inviassero una foto della presenza simultanea dei quattro, cercando di immaginare l'oggetto della discussione comune. Abbiamo subito interessato il Dott.Orlandi, il quale ci ha comunicato che si è trattato di un incontro casuale, un incontro non preordinato, ma capitato mentre egli stava uscendo dal Palazzo comunale  dove aveva incontrato i rappresentanti del "Giro del Casentino": Orlandi ha affermato che in un secondo tempo l'Amministrazione comunale di Subbiano studierà il sistema di dare un contributo a tale corsa

Al proposito ci è tornato in mente quando, Sindaco Ilario Maggini, facevamo partire ed arrivare la corsa a Subbiano: non si trattava di un semplice contributo, ma una vera e propria iniziativa cittadina. Mala tempora, cucurrunt !

 

 

 

 

 Stampa  Email

SUBBIANO UN SINDACO UFFICIALE D'ANAGRAFE

ILARIA MATTESINI OTTIMA UFFICIALE D'ANAGRAFE

Ilaria Mattesini è stata eletta Sindaco da una certa quantità di subbianesi,

 Stampa  Email

SUBBIANO TENNIS E CALCIO INTERVISTA A ORLANDI

SUBBIANO INTERVISTA A DARIO ORLANDI

A proposito della mancata realizzazione, con procedura sommamente discutibile, degli spogliatoi del campo da tennis di cui abbiamo riferito su altro articolo, ancora presente, abbiamo intervistato Dario Orlandi, il quale è, forse, l'unica parte buona di questa Amministrazione subbianese.

 Stampa  Email

scnotizielogo300

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

  SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

 

 

scnotizielogo300

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

Autorizzazione del tribunale di Arezzo n. 5 rilasciata in data 25 settembre 2014

Direttore responsabile e proprietario del sito web: Francesco Martini ordine nazionale giornalisti n. 153301

 

 

United Kingdom Bookmaker CBETTING claim Coral Bonus from link.