NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

TUBO DI FERRO CONTRO COMPAGNO DI CLASSE

Comando  Provinciale Carabinieri di Arezzo

Compagnia di Arezzo -denunciato alla Procura dei Minori uno studente  diciassettenne che ha aggredito con un tubo di metallo un suo compagno di classe all’uscita della scuola.

Nella giornata di ieri i Carabinieri della Stazione di Arezzo hanno proceduto alla denuncia in stato di libertà  di un ragazzo di 17 anni, di origine albanese, per aver aggredito e cagionato lesioni ad un suo coetaneo.

L’episodio è accaduto all’uscita di un istituto scolastico del centro città, quando l’aggressore, frequentante detta scuola, con un tubo di metallo colpiva più volte al corpo la vittima, suo compagno di classe. Lo stesso, trasportato al pronto soccorso dell’ospedale San Donato, veniva giudicato guaribile in 7 gg.

Le motivazioni del gesto sarebbero riconducibili a contrasti, dalla futile origine, che i due ragazzi avrebbero avuto all’interno della classe.

Il giovane denunciato alla Procura dei Minori di Firenze, dovrà ora rispondere del reato di lesioni personali aggravate.

 Stampa  Email

ATTENZIONE ALLA CARNE AVARIATA !!!

QUESTURA di AREZZO

Ufficio di Gabinetto

COMUNICATO STAMPA

CONTROLLI DELLA POLIZIA DI STATO SULLE STRADE DELLA  TOSCANA

Nel fine settimana  ritirate 35 patenti e tolti quasi 1.000 punti. Sull’A/1 arrestati due spacciatori  e fermato un ubriaco. Sulla S.G.C. intercettate due auto contromano.  A Prato pizzicato macellaio improvvisato. Sull’Aurelia bloccato un  drogato al volante.

E’ di 1.368 veicoli controllati e 1.484 persone identificate il  bilancio dei controlli effettuati nel fine settimana dalla Polstrada  sulle principali arterie della Toscana, al fine di prevenire gli incidenti  dovuti a distrazione, alcool e droghe.

Sono state impiegate 258 pattuglie, che hanno denunciato 18 persone,  ritirato 35 patenti e 19 carte di circolazione, nonché tagliato 988  punti, effettuando pure 201 interventi di soccorso. Gli autovelox e i telelaser hanno visualizzato il passaggio di 25.968 veicoli,  di cui 234 andavano troppo velocemente e, pertanto, ne sono state fotografate  le targhe per l’invio a domicilio delle multe.

 Stampa  Email

SUBBIANO PRECISAZIONI DI LORENZO VALDARNINI SU NOSTRO ARTICOLO

Pubblichiamo la nota pervenutaci dall'interessato in relazione all'articolo pubblicato su questo giornale"VIA CINI ED I SUOI FABBRICATI" Naturalmente non commentiamo e non aggiungiamo niente.

 

All’attenzione del Direttore pro tempore del portale www.subbianocapolonanotizie.it

In riferimento alla pubblicazione nel Vostro sito “Subbiano Capolona Notizie” quale parte interessata chiedo la pubblicazione integrale della seguente dichiarazione a salvaguardia del mio diritto di replica con il seguente testo:

“L’articolo apparso sul portale www.subbianocapolonanotizie.it dal titolo “SUBBIANO VIA CINI ED I SUOI FABBRICATI” è un insieme di falsità, congetture, accuse infondate e diffamanti, offensive dell’onore e del buon nome del sottoscritto.  

Innanzitutto è doveroso far presente che l’articolo citato è l’ennesima pubblicazione contenente notizie false e diffamatorie nei miei confronti, esclusivamente volte a “gettare fango” sulla mia persona, stante il mio ruolo rivestito sino allo scorso anno all’interno del Consiglio Comunale di Subbiano.

Faccio presente che in quel periodo ho desistito dal  querelare i soggetti interessati per evitare di creare ulteriori tensioni e scontri nella compagine politica cittadina, ma adesso che sono al di fuori dello scenario politico non posso accettare simili condotte illecite penalmente rilevanti che ledono la mia onorabilità come persona e come professionista.

Infatti, è totalmente falso che la presunta “variante” a cui fa cenno nell’articolo “ampliò l’area in modo che fosse consentita l’edificazione dei quattro fabbricati unifamiliari invece dei due previsti”.

Il proprietario di quella lottizzazione poteva realizzare in quell’area quattro fabbricati indipendentemente dall’approvazione della sua proposta, avente invece ad oggetto la richiesta di rettifica di errori materiali dovuti ad un impropria rappresentazione dei confini dell’area nello strumento urbanistico e, soprattutto, tale richiesta non avrebbe comunque inciso sulla capacità edificatoria del lotto.

Inoltre, Le segnalo che, diversamente da quanto tendenziosamente alludete nell’articolo, al momento della presentazione della richiesta di correzione sopra menzionata – anno 2015 -, non ero proprietario di alcun lotto facente parte di quella lottizzazione.

Semplicemente, nei primi mesi di quest’anno – anno 2018 -, io e la mia famiglia abbiamo acquistato un immobile di nuova costruzione dalla Edilsubbianese s.a.s., impresa che era proprietaria della lottizzazione sin dall’anno 2010, e con la quale avevamo compromesso l’acquisto del medesimo immobile nel 2014, motivo per il quale, per mere ragioni di opportunità derivanti dalle norme del regolamento comunale, non partecipai alla votazione in Consiglio Comunale per l’approvazione della richiesta presentata dalla proprietaria della lottizzazione.

Nell’articolo in questione, Lei si spinge addirittura  a scrivere che “gli inquirenti”, a suo tempo,avrebbero esaminato la questione, alludendo pericolosamente al fatto che io abbia commesso una qualche ipotesi di reato, per poi correggere il tiro concludendo che tali indagini non avrebbero comunque “trovato nella cosa alcun motivo di censura”.

Ad ogni modo, sul punto, Le segnalo, inoltre, di non essere mai stato oggetto di alcun avviso giudiziario inerente a tali presunte “indagini”.

Ciò che invece è vero, è l’accanimento che codesto giornale riserva ancora nei miei confronti, riscontrabile anche dal fatto che l’articolo in questione non rispetta assolutamente i limiti della pertinenza e della continenza, atteso che, come già segnalato, non rivesto più alcuna carica pubblica dal mese di dicembre dello scorso anno, ed anche per questo motivo è gravemente illecita la pubblicazione dell’indirizzo della mia residenza stante il concreto pregiudizio che la diffusione di tale informazione  può arrecare alla sicurezza ed alla riservatezza della mia vita privata e della mia famiglia.

Per tale ultimo motivo Le intimo l’immediata cancellazione dall’articolo in questione di ogni riferimento concreto relativo alla mia privacy.

Ovviamente, per tutti i motivi sopra menzionati, mi riservo di adire comunque le competenti Autorità per la tutela dei miei diritti e di quelli della mia famiglia.”

Distinti saluti

Avv. Lorenzo Valdarnini”

 Stampa  Email

SUBBIANO E CAPOLONA L'UFFICIALE SANITARIO NON C'E' PIU'

SUBBIANO L’UFFICIALE SANITARIO NON C’E’ PIU’

L’Ufficiale sanitario, quel medico che era di supporto specialistico al Sindaco quale autorità sanitaria locale, a Subbiano non esiste più: la figura è stata cancellata dalla USL ed oggi i cittadini dovranno recarsi ad Arezzo per le connesse necessità. Vero che le emergenze sanitarie non sono più quelle di una volta; colera, malaria, febbre gialla, rabbia ecc..,non esistono più ma la vecchia figura di Ufficiale Sanitario si qualificava per il servizio di nulla osta al rilascio di patenti di guida e patenti di caccia ai cittadini. Si ricorda il Dott. Pietro Barbiera, il quale, alloggiato al secondo piano del Palazzo comunale, visitava i giovani neo patentandi ai quali forniva il richiesto nulla osta.

Questo servizio, che interessava i comuni di Subbiano e Capolona, non esiste più e i giovani richiedenti le varie patenti dovranno oggi recarsi ad Arezzo per le richieste visite. Vero che la USL cerca di risparmiare in ogni minima sezione, ma il Sindaco, anzi i Sindaci di Subbiano e Capolona, che fanno ? Prima hanno tolto l’Ospedale, poi il medico a bordo dell’ambulanza, oggi l’Ufficiale sanitario. Ma dove arriveremo ? Dovremo “smaltire” tutto ciò che è stato creato nei secoli per i begli occhi dellaUSL ?

 Stampa  Email

SUBBIANO VIA CINI ED I SUOI FABBRICATI

SUBBIANO NUOVI INSEDIAMENTI IN VIA CINI

Francesco Cini, un nome importante per Subbiano; fu Sindaco di Subbiano nel dopoguerra e capostipite di una generazione di uomini illustri (Cino, l'eroico Elio; oggi Franco, Alessandro, patron della AEC di Castelnuovo ed altri); a lui è stata dedicata una strada di Subbiano.

 Stampa  Email

EXTRACOMUNITARI E DROGA !!

QUESTURA di AREZZO

Ufficio di Gabinetto

COMUNICATO STAMPA

La Polizia di Stato arresta un richiedente asilo  che spacciava hashish marijuana ed eroina.

 Stampa  Email

CON CERTI INDIVIDUI NON BASTA NEANCHE METTERE L'AUTO IN GARAGE

QUESTURA di AREZZO

Ufficio di Gabinetto

COMUNICATO STAMPA

TOPI DI APPARTAMENTO IN AZIONE NELLA NOTTE: DUE ARRESTI DELLA POLIZIA  DI  STATO

In  piena notte, la Squadra Volanti della Questura di Arezzo ha proceduto  all’arresto di 2 romeni sorpresi in flagranza di un furto all’interno  di un garage in via Marco Perennio.

In  particolare alle 3,00 della scorsa notte una pattuglia della Polizia,  nel corso della consueta attività di controllo del territorio, notava  due individui uscire in bicicletta da una traversa di via Marco Perennio.  I due, alla vista della Volante, cercavano di dileguarsi ma venivano  bloccati dagli agenti per un accurato controllo. Da una perquisizione  personale venivano rinvenuti, custoditi in uno zaino, na serie di oggetti  utili per la commissione di furti con scasso come cacciaviti, tronchesi,  lastre in plastica utilizzate per apertura di porte, passamontagna e  torcia elettrica. Nello zaino portato dall’altro soggetto romeno venivano  invece trovati oggetti di verosimile provenienza furtiva quali monete  da collezione e un orologio in oro.  Da un rapido sopralluogo effettuato  nelle vicinanze del luogo del controllo, gli operatori della Volante  riuscivano a risalire ad un garage dove i due avevano appena compiuto  il furto e dopo aver contattato il proprietario, venivano riconsegnati  allo stesso gli oggetti trafugati.

I  due, già gravati da numerosi precedenti per reati contro il patrimonio,  sono stati arrestati per furto aggravato in abitazione e possesso di  oggetti atti allo scasso e trattenuti presso le camere di sicurezza  della Questura in attesa di processo per direttissima.

 Stampa  Email

CAPOLONA INTERVENTO DI ALBERTO CIOLFI AL CONSIGLIO COMUNALE DEL 28.9.2018

Intervento dell'ex Sindaco, attuale Consigliere di opposizione, al Consiglio comunale del 28.9.2018

Come anticipato pubblichiamo l'intervento di Alberto Ciolfi ex Sindaco ed attuale capogruppo della minoranza consiliare 

Dopo 100 giorni dall’insediamento della nuova Amministrazione è stato presentato il Programma di
Mandato, un adempimento non solo formale e di grande rilevanza che segna le intenzioni e le linee
programmatiche della Giunta Francesconi per la legislatura 2018-23.

 Stampa  Email

ANCORA SUCCESSI DELLE FORZE DELL'ORDINE

 

QUESTURA di AREZZO

Ufficio di Gabinetto COMUNICATO STAMPA

SARI = Sistema Riconoscimento Automatico Immagini. La Polizia di Stato ad Arezzo individua e denuncia i primi 7 ladri.

Il S.A.R.I. è un sistema di supporto alle attività investigative condotte dalle Squadre Mobili delle Questure di tutta Italia . Si tratta di uno strumento avveniristico realizzato dalla Polizia di Stato in grado di identificare le persone già fotosegnalate dalle forze dell'ordine, che vengano ritratte in una fotografia o in un video.

 Stampa  Email

AREZZO CAPPELLA DELL'OSPEDALE: S. MESSA IN DIFESA DELLA VITA

 

 

 

 

 

 

COMUNICATO STAMPA 

 

ASS. CULTURALE DIFESA DEI VALORI

 

 

 

l’ASSOCIAZIONISMO PRO LIFE E PRO FAMILY DEVE SOSTENERSI A VICENDA

 

 

 

E’ sempre più violento lattacco alla vita nascente ed è ora il momento di unire le forze per riportare il valore della vita nel posto che gli spetta, sopra ad ogni altra cosa, per questo sosteniamo i CAV-MPV nelle loro iniziative e le facciamo nostre:  

Il Movimento e Centro di aiuto alla vita di Arezzo e Casentino invita tutti a partecipare sabato 6 ottobre 2018, alla S. Messa in difesa della vita, che si celebrerà nella cappella dell'ospedale San Donato di Arezzo, alle ore 11. L'adesione all'iniziativa promossa dagli amici dell’associazione "Ora et Labora in difesa della Vita", vuol ricordare alla cittadinanza aretina la piaga dell'aborto di cui sono vittime, dentro nostri ospedali, sia i bambini che le donne, per l'irreparabile perdita di un figlio.

 

Volontari, sostenitori, simpatizzanti pro-life si uniscano per ribadire la Verità: le difficoltà della vita non si superano sopprimendo una vita, ma superando insieme le difficoltà. Pregare insieme è uno dei tanti modi per operare uniti in difesa di fratelli innocenti e indifesi.

 

 

 

 

 

 Stampa  Email

SUBBIANO INTERVENTO SULLA VIA DI FALCIANO

SUBBIANO RESTAURATA LA VIA DI FALCIANO

Oggi 4 ottobre si festeggia san Francesco, patrono d’Italia, ma non si tratta di un miracolo: il ripristino dell’asfalto del primo tratto della via di Falciano. Non un miracolo, ma un intervento dell’Amministrazione Provinciale ; e per questo intervento, necessario perché il fondo stradale era piuttosto malridotto, i subbianesi ringraziano tutta l’Amministrazione provinciale da Roberto Vasai all’ottimo cantoniere locale, i funzionari, i tecnici e gli impiegati che hanno accolto le richieste della popolazione ed hanno provveduto proprio oggi 4 ottobre. Grazie anche all’ostinato, pervicace, attento interessamento dell’ex sindaco Ilario Maggini. Lui, catenaiolo doc, e non i Signori della giunta De Bari si è mosso.Egli ha qualche amico che gli vuol bene ed in provincia l’hanno ascoltato; probabilmente è andata meglio così perché chissà se avrebbero ugualmente ascoltato un De Bari in scadenza o uno dei suoi collaboratori, parimenti in scadenza.

 Stampa  Email

CAPOLONA UN TUNNEL SOSPETTO

CAPOLONA UN PASSAGGIO SOTTERRANEO

La strada che conduce da Capolona alla Stazione di Subbiano, quella via parallela alla ferrovia che traversa i binari e conduce nell’abitato in destra del Fiume Arno, è attraversata da un tunnel sotterraneo che scorre sotto la sede stradale; si trova poco prima del Bivio per Fosso Borgaio ed attualmente serve solo per portare via le acque piovane provenienti dal monte e dirette in Arno.

 Stampa  Email

L'UNIVERSITA' DELL'ETA' LIBERA RIPRENDE L'ATTIVITA'

Università dell’Età Libera “Enzo Ficai”
Sezione Capolona – Subbiano
Lunedì 8 ottobre alle ore 16 presso l’auditorium della scuola media “Garibaldi” in Capolona inizia
un nuovo anno di lezioni per l’Università dell’Età Libera Capolona Subbiano.

 Stampa  Email

DROGA, MA LA GUARDIA DI FINANZA NON DORME

.

GUARDIA DI FINANZA AREZZO: CONTROLLI ANTIDROGA NEI PRESSI DELLA STAZIONE. 7 PERSONE DEFERITE ALLE AUTORITA’ COMPETENTI

Nell’ambito dei servizi in materia di traffici illeciti e di controllo economico del territorio, i Finanzieri della Compagnia di Arezzo hanno organizzato nei giorni scorsi un dispositivo di controllo in materia di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi della Stazione aretina. Al termine delle attività, condotte con l’ausilio di due unità cinofile del Gruppo della Guardia di Finanza di Firenze, sono state denunciate complessivamente 7 persone e sequestrato oltre un etto di sostanze stupefacenti. I controlli - eseguiti in collaborazione con personale della Polizia Ferroviaria - sono stati svolti nelle adiacenze della locale Stazione dei treni, che con l’inizio dell’anno scolastico è frequentata prevalentemente da ragazzi che provengono da tutta la provincia. In un caso, un giovane ventunenne è stato trovato in possesso di circa 100 grammi di hashish, che ha dichiarato di averli appena acquistati nei giardini di Campo di Marte da una persona di colore, ed è stato denunciato all’A.G. per violazione dell’art. 73 del D.P.R. 309/90, mentre tutti gli altri, di cui due minorenni, che avevano modiche quantità di stupefacente per uso personale, sono stati segnalati alla Prefettura di Arezzo L’operazione si incardina nel dispositivo di controllo del territorio disposto dalla Prefettura di Arezzo per garantire l’ordine e la sicurezza pubblica nelle aree maggiormente interessate da fenomeni illegali, quali quello dello spaccio di sostanze stupefacenti, che, oltre ad arrecare un grave danno alla collettività, coinvolge le fasce di età più deboli.

 Stampa  Email

ATTENZIONE CERTI INDIVIDUI VIAGGIANO ARMATI DI COLTELLO

Comunicato della QUESTURA di Arezzo

 

La Polizia di Stato arresta in 48H il marocchino  che aveva accoltellato il connazionale.

La Squadra Mobile nel pomeriggio di ieri ha individuato a Montevarchi  e tratto in arresto il cittadino marocchino che nel  primo pomeriggio  di mercoledì  aveva colpito con due fendenti un connazionale nel sottopasso  fra via Michelangelo e via Vittorio Veneto, poco lontano dalla Stazione.

L’arrestato, di 27 anni, con diversi precedenti per spaccio di sostanze  stupefacenti, con regolare permesso di soggiorno, senza una dimora nella  città di Arezzo, nella giornata del 26 settembre scorso, molto probabilmente  a seguito di una lite per questioni attinenti allo spaccio di droga,  aveva colpito alle spalle un altro cittadino marocchino.

L’aggressione è avvenuta alle spalle con due colpi di coltello,  il primo inferto alla gamba ha atterrato la vittima, il secondo diretto  all’emitorace destro ha causato la rottura di alcune costole e il  perforamento del polmone. La vittima è riuscita a fare alcuni metri  su Via Michelangelo, il tempo di essere vista da alcuni passanti che  hanno chiamato l’ambulanza. L’uomo, in codice rosso, è stato trasportato  d’urgenza all’Ospedale “Le Scotte” di Siena, specializzato nella  chirurgia toracica, che, al termine della serata, dopo un lungo intervento,  lo ha dichiarato fuori pericolo.

 Stampa  Email

CAPOLONA SERENITA' AL CONSIGLIO COMUNALE DEL 29.9.2018

CAPOLONA 28.09.2018 CONSIGLIO COMUNALE

Un Consiglio Comunale tutto sommato, onesto, in cui si sono scontrate, ma è più appropriato dire incontrate, le due parti contrapposte: la maggioranza con il Sindaco Mario Francesconi e la minoranza con l’ex sindaco Alberto Ciolfi. Il Consiglio in sé aveva poche cose da proporre, infatti la parte ufficiale è stata liquidata in pochi minuti, alla fine. Il tema principale si è svolto all’inizio quando il Sindaco ha dato alcune comunicazioni.

 Stampa  Email

scnotizielogo300

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

  SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

 

 

scnotizielogo300

   SPAZIO LIBERO PER SPONSOR

Autorizzazione del tribunale di Arezzo n. 5 rilasciata in data 25 settembre 2014

Direttore responsabile e proprietario del sito web: Francesco Martini ordine nazionale giornalisti n. 153301

 

 

United Kingdom Bookmaker CBETTING claim Coral Bonus from link.