17.06 - RIUNIONE DELLA MINORANZA A CALBENZANO

Nel quadro dell’iniziativa di visitare tutte le frazioni del comune di Subbiano, la minoranza consiliare ha effettuato un incontro con la popolazione di Calbenzano. Presente il consigliere Vasco Bobini, momentaneamente assenti gli altri consiglieri per problemi strettamente personali.

Bobini inizia subito contestando la rarità dei consigli comunali: quattro o cinque all’anno sono pochi e ”ultimamente noi minoranza abbiamo dovuto suscitare la convocazione di un consiglio che altrimenti non si sarebbe tenuto”e ancora “questa maggioranza teme il confronto pubblico e propone Ordini del giorno troppo carichi; 14 punti sono troppi; il Consiglio inizia alla 18,30, dopo un po’ di discussione si fanno le ore notturne e, si sa, di notte siamo tutti stanchi: ci prendono per stanchezza. Noi vorremmo riunioni di Consiglio più fitte, con al massimo 4 o 5 punti che verrebbero discussi bene e potremmo anche sentire la voce del Sindaco, il quale, normalmente, non parla: parla per lui il consigliere Lorenzo Valdarnini che essendo anche Presidente del Consiglio Comunale dovrebbe essere super partes invece che difendere sempre e comunque l’operato del Sindaco “. Il relatore ha poi parlato dei problemi della piscina di Subbiano, problemi già lungamente e speriamo sufficientemente dibattuti su questo giornale ove i relativi articoli sono tuttora in pubblicazione; ma si deve registrare una certa indifferenza degli ascoltatori nei confronti di questo che, invece, è un grave problema comunale. Bobini afferma che il comportamento dell’attuale maggioranza avrebbe determinato un danno per i cittadini di Subbiano e perciò la minoranza stessa ha inviato al Sindaco una formale richiesta di interessare della cosa la Corte dei conti. E’ seguito un lungo dibattito sulla vicenda della centrale di produzione elettrica a biomasse di Serboli. E’ intervenuto Enzo Lucacci, presidente del comitato, il quale ha denunciato, tra gli altri elementi di un discorso lungo ed articolato, la pericolosità dell’impianto che ha avuto diversi sversamenti di liquami ed altri incidenti che avrebbero inquinato le acque del torrente al punto che non sia più possibile attingere acqua per dissetare gli animali e innaffiare gli orti. Ha riferito il caso di una abitante di Calbenzano che per dar da bere alle proprie galline deve servirsi dell’acqua dell’acquedotto. In generale sul tema sono stati usati toni apocalittici; resta però l’impressione che la gente si stia stancando di questo, pur presente problema. Lucacci ha poi detto di aver ricevuto mandato di attenzionare il sito ed, in tale veste, ha potuto verificare che sono stati realizzati alcuni percorsi e piazzali in cemento, invisibili persino dagli elicotteri, che costituiscono un pericolo per il dilavamento di inquinanti quando piove; ha inoltre lamentato un altro incidente in questo mese di giugno. A tale proposito il consigliere Bobini ha comunicato che della cosa è stato discusso in Consiglio comunale ed il fatto è stato segnalato ai Carabinieri: risulta che questi abbiano accertato che si sia trattato di incidente stradale.

E’ seguito l’invito del relatore a partecipare come pubblico ai consigli comunali ed i partecipanti all’assemblea hanno sollecitato l’istallazione di una bacheca in cui vengano affissi gli avvisi perché normalmente i cittadini non sono informati. Bobini ha detto che personalmente ha sollecitato il sindaco ad istallare una piccola bacheca in ogni frazione in modo che tutti siano informati non solo dell’ordine del giorno dei consigli comunali, ma anche di altre manifestazioni e comunicati per la popolazione.

Il relatore ha poi lamentato l’aumento che verrà del costo del servizio della nettezza urbana ed ha polemizzato sul fatto che a Castelnuovo è stata realizzata una isola ecologica. “…é finita, ma stranamente non parte…”

Contesta , poi pesantemente il ritardo con cui la maggioranza si é accinta a redigere il bilancio: “… finchè il bilancio non è approvato l’amministrazione dovrà servirsi di un bilancio provvisorio la qual cosa vuol dire un funzionamento a metà del Comune….”

Si passa poi a discutere del locale circolo cioè quello stesso in cui si sta svolgendo la riunione e qui i toni salgono molto di intensità: si arriva ad urlare ed questionare tra i vari intervenuti sul fatto che il circolo debba essere regolarizzato con il Comune e sul metodo da seguire, su abusivo e non abusivo, su tettoia e pallaio delle bocce ecc… il clamore era tale che si è potuto capire poco; abbiamo però potuto ascoltare il preoccupato guardiano del locale sig. Sisti che ha lamentato la scarsità di fondi che, purtroppo, avrà come conseguenza l’impossibilità futura di pagare il consumo dell’energia elettrica e dell’acqua.

Intervenuto, infine il sig. Mauro Corazzesi che, pur in mezzo a tanto rumore di voci, è riuscito a sollecitare l’intervento dei consiglieri tutti del comune di Subbiano affinché vengano finalmente istallati i punti luce nelle zone buie e sprovviste di quei lampioni tante volte promessi fin dal 1998 e mai sistemati. Il Bobini ha assicurato l’interessamento suo e dei suoi colleghi consiglieri per le questioni sollevate.

 Stampa  Email

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Autorizzazione del tribunale di Arezzo n. 5 rilasciata in data 25 settembre 2014

Direttore responsabile e proprietario del sito web: Francesco Martini ordine nazionale giornalisti n. 153301

 

 

United Kingdom Bookmaker CBETTING claim Coral Bonus from link.